Il pomodoro: un toccasana naturale

Rossi, gialli o verdi. Quale che sia il colore, a patto che sia di provenienza biologica, il pomodoro è considerato come un vero e proprio toccasana naturale. Ma attenzione all’acquisto. Quante volte abbiamo sentito dire: “questi pomodori non sanno di nulla?”. Si tratta per lo più di pomodori acquistati nella grande distribuzione che, stando sui banchi da tanto tempo, perdono le loro proprietà nutritive e quel gusto saporito che solo prodotti di stagione riservano. Ma perché quest’ortaggio, amato sin dagli Aztechi, fa tanto bene?

Frutto di una pianta originaria del Messico, fu per lungo tempo usato come pianta ornamentale, assolutamente non commestibile perché considerata velenosa a causa del suo alto contenuto di solanina, un alcaloide tossico ritenuto dannoso per l’uomo. Non è chiaro quando e come sia avvenuto il passaggio da pianta ornamentale e velenosa a pianta commestibile con ottime proprietà nutrizionali. È certo, invece, che fece il suo primo ingresso nella cucina italiana nel XVI secolo, diventando poi uno dei simboli della gastronomia italiana.

Tante le varietà esistenti nel mondo, dalle più conosciute e facili da trovare come il San Marzano, il ciliegino e il rosso a grappolo, a quelle più particolari come il gigante belga, lo zebrato, il nero di Crimea e il costoluto. Cambia il sapore forse, ma non gli apporti nutrizionali. Rinfrescante, diuretico ed energizzante, è un ortaggio consigliabile a tutti, ancor di più a chi ha la necessità di tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue e limitare le calorie (pensate la proporzione è di 18 Kcal per 100 g).

Ricco di vitamine B6, C, A, K, E e di sali minerali tra cui potassio, magnesio, fosforo, calcio, ferro, zinco e selenio, rilascia anche un buon contenuto di acqua: il contenuto per 100 g è pari a 93,8% se assunto crudo, scende al 92,2% se fatto cuocere. Ma a rendere prezioso il pomodoro è la presenza del licopene e delle sue ottime proprietà antiossidanti di cui si può fare il carico mangiandolo crudo con poco sale e tanto olio extravergine d’oliva d’estate o fino a fine settembre, in passati o essiccati in inverno. Tra i benefici che un uso costante genera nell’organismo, possiamo certamente confermare la sua proprietà di favorire il buon funzionamento dell’intestino per l’alto contenuto di fibre vegetali contenute soprattutto nella buccia.

Insomma pare proprio che l’acquisto di pomodori biologici e biodinamici possa, oltre a darci il giusto apporto nutrizionale, riservarci esperienze di gusto interessanti. Proviamo allora a invertire la tendenza, seguite i nostri consigli: acquistatelo sempre bio, fresco e provate le diverse varietà che selezioniamo nel nostro biomarket Nahò. Attraverserete sapori incredibilmente diversi: da quelli più dolciastri a quelli più asprigni, passando per quelli fruttati. Provare per credere!